La decisione del genitore con il quale convive la prole non deve pregiudicare il diritto ad un rapporto con l'altro genitore

Legame genitori figli in caso di separazione e divorzio

La decisione del genitore con il quale convive la prole in caso di separazione o divorzio o scioglimento della famiglia di fatto, non deve pregiudicare il diritto ad un rapporto equilibrato e continuativo anche con l'altro genitore.

Commento dell’Avv. Angela Natati all'Ordinanza 24 maggio 2024, n. 12282, con cui la prima Sezione della Corte di Cassazione ha statuito che Il trasferimento dei figli lontano dal padre può violare il diritto alla bigenitorialità.

La Suprema Corte ha riconosciuto la lesione del diritto alla bigenitorialità nel caso in cui il trasferimento dei figli in località distante dalla residenza paterna rappresenti un ostacolo alla frequentazione con i figli, nonostante la statuizione di libera frequentazione.

La vicenda.

Il Tribunale ordinario di Napoli, con sentenza parziale sul vincolo, dichiarava lo scioglimento del matrimonio tra i coniugi T.G. e L.E.. Il giudizio proseguiva quindi sulle ulteriori domande riguardanti l’affido e il mantenimento dei figli; nello specifico, la madre chiedeva la conferma delle condizioni già stabilite dalla sentenza di separazione consensuale ove era previsto l’affidamento congiunto dei tre figli minori.

Successivamente, con procedimento ex art. 709ter cpc, azionato dalla madre in corso di causa, la predetta chiedeva al Giudice l’autorizzazione al trasferimento dei tre figli minori da Napoli a Pordenone avendo ivi reperito una remunerativa offerta di lavoro (ricevuta tramite raccomandata a mano del 28.07.22), consistente nella messa a sua disposizione da parte di una polispecialistica privata di uno studio ove svolgere attività ambulatoriale.

Il Tribunale di Napoli adito accoglieva la richiesta di trasferimento a Pordenone, ritenendo fondata l’offerta di lavoro, senza però modificare il regime di affidamento condiviso e senza svolgere alcuna attività istruttoria.

Il padre provvedeva immediatamente a depositare avanti la Corte d’Appello di Napoli – sez. minori - reclamo dell’Ordinanza chiedendo altresì al Tribunale la pronuncia cautelare in ordine alla sospensione dell’efficacia esecutiva dell’Ordinanza impugnata.

La Corte d’Appello adita rigettava l’istanza e respingeva il reclamo. Il padre, quindi, ricorreva avverso il decreto di rigetto e adiva gli Ermellini sulla questione, i quali, accogliendo il ricorso, cassavano con rinvio la sentenza impugnata. Nello specifico, il ricorrente lamentava che la decisione del Tribunale di Napoli non ha tenuto conto delle eccezioni paterne sul trasferimento dei figli a Pordenone, mancando un’adeguata motivazione a tal proposito. Ed invero il Giudice di merito dichiarava di essere pervenuto alla decisione sulla base della volontà dai minori di volersi trasferire con la madre.

Il primo motivo del ricorso è fondato. Il trasferimento dei figli in località distante dalla residenza dei figli rappresenta un ostacolo alla frequentazione anche e al padre sia stata riconosciuta la  “facoltà di vederli e tenerli quando lo desidera”. Nel consentire il trasferimento non è stata valutata la notevole distanza tra le due città che non consentono spostamenti giornalieri ma implicano necessariamente visite che durano più giorni e, tenuto conto degli impegni scolastici ed extrascolastici dei figli minori, non possono prevedersi assenze per più giorni dalla residenza soprattutto nel periodo scolastico.

L'autrice

Avv. Angela Natati

Abilitata al patrocino avanti le Magistrature Superiori Componente direttivo della Camera Minorile di Ferrara, ha maturato una lunga esperienza sul campo e nello studio della gestione del conflitto familiare e nell'assistenza al genitore più debole affinché sia realizzato il diritto alla bigenitorialità.

Opera su tutto il territorio nazionale e a livello regionale è coordinatrice dell'Associazione Padri Separati, la prima Associazione Nazionale che a tutela della paternità.

Collabora sul territorio di Ferrara e Provincia con l'associazione Socialmenteutile che si occupa di far svolgere ai condannati lavori di pubblica utilità.

Clicca qui per ulteriori informazioni.

Foto profilo avv. Angela Natati

Consultazioni in presenza o da remoto

Lo Studio Angela Natati & Partners offre la possibilità di effettuare consultazioni via Skype, Microsoft Teams o Google Meet previo appuntamento telefonico. Chiamaci per sapere di più.

Invia il messaggio
Your message has been sent successfully.
Sorry, error occured this time sending your message.